Perché conviene acquistare adesso!

Eh, già…

Può essere strano a dirsi, ma se ci pensiamo bene, concorderemo con il fatto che l’estate è la stagione più conveniente per pensare ai mobili di casa.

estate-affareMentre tutti pensano alla sistemazione del giardino, alla vacanza incombente, al condizionatore efficiente e alla calura dilagante, solo poche, avvedute persone pensano che in questa calda estate si possono fare gli affari migliori per assicurarsi un inverno tranquillo e caldo da vivere nel confortevole abbraccio della propria casa.

Ecco, allora, che si pensa a fare la scorta di pellet o della legna per il camino. Si chiama il tecnico per il controllo e la pulizia della caldaia, si ridipingono le pareti delle stanze e si sistemano i vari ripostigli.

Le persone più avvedute, inoltre, realizzano buonissimi affari anche per quanto riguarda l’arredamento di casa.

le offerte scadono!Mentre la maggior parte delle persone sta al mare o affolla stazioni ed aeroporti per destinazioni vacanziere di vario genere, i produttori e venditori di mobili cercano di attirare clienti con una politica dei prezzi molto spregiudicata. Le linee di produzione non sono affatto intasate e c’è tempo per un controllo in più sulla qualità rispetto ai frenetici mesi invernali in cui le ore del giorno non bastano mai.

Basta fare qualche logica considerazione, quindi, per cogliere l’occasione di avere i mobili migliori ai prezzi più bassi.

5 buoni consigli per arredare una parete

Arteferretto è da oltre 35 anni specializzato nella progettazione, realizzazione e vendita di mobili in stile.

composizione parete

 

“In stile” non vuol dire vecchio e obsoleto, anzi Arteferretto cerca di adattarsi al meglio alle “moderne” esigenze con mobili che mantengono la propria unicità, ma che allo stesso tempo possono ben inserirsi nei più diversi contesti d’arredo.

Quella di rispondere alle esigenze dei clienti è una filosofia che tutto lo staff di Arteferretto ha sempre seguito, e per questo recentemente è stata creata una nuova sezione all’interno del nostro negozio online che offre la possibilità di creare la composizione preferita per arredare una o più pareti di casa o dell’ufficio:

Crea la tua composizione!

modulo libreriaEcco 5 consigli per arredare la parete nel modo giusto:

  1. Tutte le pareti di Arteferretto sono modulari, ovvero costituite da moduli di larghezza predefinita (96 cm per il modulo doppio e 49,7 cm per quello singolo): la prima cosa da fare è quindi quella di valutare la larghezza della parete che si desidera arredare;
  2. Come seconda cosa bisogna pensare a cosa si vuole mettere all’interno: libri, piatti, stoviglie, servizi di tazzine, fotografie, tovaglie, ecc…;
  3. modulo libreriaIn base al contenuto, si deve poi decidere se si vuole che le cose siano in vista oppure no. In base a questo, la scelta può essere quella di una scaffalatura a giorno (senza porte) o con ante con vetro per proteggere dalla polvere i vari oggetti (libri o fotografie per esempio), altrimenti si potranno scegliere ante in legno chiuse se si desidera che gli oggetti riposti non siano in vista.
  4. Si può decidere di avere uno spazio unico per tutta l’altezza del mobile o avere nella parte sotto una porta più piccola o dei cassetti, magari per riporre oggetti più comodi e facili da prendere;
  5. Una volta decisi i moduli, si deciderà l’ordine con cui voglio disporre la composizione lungo la parete;

assemblaggio cannocchialeTutte le composizioni vengono collaudate e montate prima della spedizione. Ai clienti vengono forniti in dotazione tutti gli accessori necessari, oltre a chiare istruzioni per il montaggio. Questo risulterà, comunque, sempre molto semplice e veloce: genericamente in 10 minuti due persone completano il montaggio.

Arteferretto è il diretto produttore, quindi, avendo particolari esigenze di spazio o dovendo sciogliere un dubbio, o più semplicemente per un consiglio, il servizio clienti è a disposizione e, con il diretto contributo degli esperti falegnami , sarà facile trovare la soluzione giusta per voi!

ok

 

Mobili belli e funzionali

legno

Giovedì scorso, seguivo un programma televisivo nel quale Luciano Bonetti, presidente del C.D.A. di Foppapedretti, storica azienda italiana leader nella produzione di giocattoli, mobili per la prima infanzia, per il giardino e per le faccende domestiche, sosteneva che i loro prodotti sono tutti in legno (e fin qui niente da dire) e che sono pratici e funzionali ma senza guardare però all’aspetto estetico, sottolineando che i loro prodotti non devono essere belli esteticamente, ma utili e sicuri, come poi ho riscontrato sul sito aziendale di Foppapedretti che curiosamente ho visitato.

 

bad

Immediatamente ho pensato alla realtà della nostra azienda e alla nostra filosofia: pensare ad un mobile che sia solo funzionale per noi è impossibile. Personalmente, non voglio nemmeno immaginare di mettere nel mio salotto un mobile porta tv, utile perché pieno di vani per le apparecchiature televisive, cassetti e porte per riporre vari oggetti, e poi pensare a quanto brutto è ogni volta che lo vedo. E sinceramente penso che nessuno lo vorrebbe.

 

Certo, quella di Foppapedretti è una scelta che fa parte della loro strategia commerciale e non mi permetto certo di criticarla. Ho solo provato a calare questa filosofia nel contesto lavorativo di Arteferretto e ho capito subito che il nostro modo di lavorare è ben diverso: noi facciamo mobili che sono sì pratici e funzionali, cercando di adattarli a tutte le esigenze e alle innovazioni tecnologiche, ma allo stesso tempo i nostri mobili sono belli, eleganti e raffinati. Noi vogliamo che i nostri mobili diano soddisfazione ed emozione nel guardarli oltre che nell’usarli.

Questa è la nostra filosofia, certamente riscontrabile e condivisibile da chi acquisterà un nostro mobile.

4010-SGBI_web-600x423

In questo mondo di ladri

Una delle cose che maggiormente ci fanno imbestialire è la lunga ed infinita lista di azioni illegali che i furbetti di turno mettono in pratica per arricchirsi indebitamente.

Ci sono tantissimi tipi di azioni illegali, da quelli particolarmente strutturati a quelli di pura azione.

ladro

Comunque sia, il risultato disarmante di questa situazione è una perdita di tranquillità e fiducia da parte dell’onesto cittadino.

antifurto, lucchettoEcco, allora, che si genera un importante business sugli apparati di sicurezza, sugli antifurti, su servizi di sorveglianza… che i disonesti studiano tenendosi aggiornati sulle novità di questo settore.

Forse, se studiassero con lo stesso impegno e si applicassero su un’attività onesta, probabilmente ne ricaverebbero di più.

Penso che, la scelta di applicarsi in attività illecite si generi da diverse angolature di ponderazione dei fatti.

manetteUn’azione criminosa (ad esempio una rapina) che frutta 100.000 euro è vista come un lavoretto che in mezz’ora frutta, appunto, 100.000 euro. Ma se la pena per questa azione comporta una reclusione di 10 anni, è forse sbagliato dire che si tratta di un lavoro da 10.000 euro all’anno?

Arteferretto, nel suo piccolo, desidera dare un piccolo contributo alla tranquillità delle persone oneste, dotando gran parte dei propri mobili di nascondigli segreti che, perlomeno, rendano difficile la vita a malintenzionati di turno.

Sarà anche poca cosa, ma pensiamo che tante piccole cose a tutela della parte onesta della popolazione contribuisca a migliorare la situazione generale.

Ovviamente, le soluzioni per questo nascondiglio segreto variano da mobile a mobile e vengono svelate al cliente al momento del ricevimento del mobile stesso.

Durante il periodo di lancio, su tutti i mobili predisposti, Arteferretto offre gratuitamente questa utile opzione.

Siamo certi che tutti i nostri clienti gradiranno questo nuovo segno di attenzione alle nuove esigenze dell’abitare. Attenzione che Arteferretto ha sempre riservato nelle sue realizzazioni, per dare qualità all’arredamento in termini di stile e funzionalità.

Arteferretto è sempre al top. Sempre dalla parte del cliente.

Lavoriamo per esserlo sempre di più.

Il tuo comfort in un click

Il tessuto è un manufatto dalle origine antichissime, basti pensare che già durante il  neolitico i nostri antenati avevano capito che le fibre vegetali  potevano essere un utile alleato contro il freddo e le intemperie.

Iniziarono, quindi, a confezionare i primi rudimentali abiti (la nascita della tessitura è collocata dagli storici tra il VI e il V millennio a.C!), ma non solo: alcuni studi hanno dimostrato come già a quell’epoca si pensasse al tessuto come una sorta di status symbol, a dimostrazione del raggiungimento di un determinata posizione nella scala sociale. Non era raro, ad esempio, che le pelli degli animali venissero indossate solo dai migliori guerrieri per dimostrare il loro valore.

Con il passare dei secoli, la tessitura divenne un processo sempre più organizzato ma è grazie all’espansione del commercio che iniziano a diffondersi coloranti e materiali del tutto nuovi. È infatti con il Rinascimento che in Italia arriva uno dei tessuti più conosciuti e pregiati, la seta, che apre la strada alla produzione di stoffe sempre più preziose come il velluto, il raso e il damasco utilizzati da re, principi e papi non solo per l’abbigliamento ma per arricchire le loro sfarzose dimore con tendaggi, divani e poltrone di alto pregio.

salottino tappezzato rosso

 

L’avvento della rivoluzione industriale, grazie a tecnologie sempre più avanzate e veloci, porta alla nascita di telai che permettono la realizzazione di disegni e ricami sempre più elaborati e, quindi, di stoffe sempre più pregiate.

I tessuti rappresentano un aspetto molto importante del nostro lavoro perché non solo la nostra azienda produce mobili e complementi d’arredo, ma propone anche una scelta molto ampia di imbottiti: sedie in stile, capotavola, poltrone, panchette, poltroncine girevoli, divanetti… e molto altro. Grazie alla stretta collaborazione con abili tappezzieri veneti, siamo in grado di proporre al pubblico una vastissima scelta tra un’ampia selezione di stoffe esclusive, dai vivaci colori della pelle styling moderna e frizzante, al morbido velluto. Tutti i tessuti disponibili sono consultabili cliccando qui.

ovalina

 

L’impiego di legno massello di faggio, solido e robusto, unito a un minuzioso lavoro artigianale di imbottitura con materiali indeformabili, e rivestimento con stoffe di alta qualità, fa sì che i nostri imbottiti siano super confortevoli e super durevoli.

image005

Parola di Arteferretto!

Scelte personali…

Una cosa che fa piacere ad ognuno di noi è quando ci viene riconosciuta personalità ed originalità. Ci si sente gratificati per le proprie capacità, che siano per la realizzazione di qualcosa, per una decisione presa, per una scelta fatta…

scelta giusta Arteferretto

In generale, tutto ciò che deriva da azioni personali indirizzate all’ottenimento di un determinato risultato, al raggiungimento del risultato stesso comporta una gratificazione e un appagamento decisamente positivo.

A volte penso a chi affida l’arredamento della propria abitazione chiavi in mano ad un architetto. Alla fine, il risultato appagherà di più l’architetto o il padrone di casa? Per quest’ultimo probabilmente l’appagamento deriverà dal fatto di aver potuto permettersi la spesa di un professionista, ma non quella di una totale scelta del proprio arredamento. Per quanto poco possa pesare, il filtro del professionista toglierà sempre in modo sensibile la responsabilità e quindi il conseguente merito per il risultato raggiunto.

Styledesign offre la più ampia scelta per rendere unica la propria abitazione grazie a migliaia di articoli personalizzabili con le finiture preferite.

Come se non bastasse, Arteferretto mette a disposizione una sezione dedicata del proprio laboratorio per la realizzazione di mobili su misura.

Tutto ciò per la vostra totale gratificazione!

Tutto OK su Styledesign

Veneto: Eccellenza e passione

Che il Veneto sia una regione molto conosciuta e visitata lo sapevamo da un po’, ma adesso lo confermano anche le statistiche: è la prima regione per presenze turistiche in Italia.

Il patrimonio culturale, artistico, naturalistico, architettonico, enogastronomico,  che offre è  davvero ampio e vario.

venezia sera tramonto gondolaCittà come Venezia, Verona, Padova, Vicenza,  riescono a soddisfare svariate esigenze dei visitatori: dal turismo d’arte, al turismo sportivo, passando per quello enogastronomico e quello termale.

La storia di Venezia e Verona attira milioni di turisti da tutto il mondo, ma anche il Lago di Garda è meta ambita, in particolare da chi ama gli sport d’acqua ( kite surf, wind surf, moto d’acqua, vela… ). Per chi preferisce lo sport estremo ci sono le Dolomiti che offrono un vasta gamma di percorsi per escursioni, trekking, vie ferrate per le arrampicate fino ad arrivare al free climbing.

Padova ospita il più antico orto botanico del mondo (patrimonio dell’Unesco) e accoglie milioni di pellegrini che visitano la Basilica del Santo.

ville venete palladioIl Veneto, poi, è pieno di Borghi medievali e di Ville dei secoli scorsi assolutamente da vedere. Le ville Palladiane sono numerose e tutte così belle che esistono veri e propri tour organizzati dedicati solo alla loro scoperta.

 

 

vino uva enogastronomiaE poi non possiamo non citare i “percorsi del vino” che troviamo un po’ su tutta la regione visto che la coltivazione delle viti e la produzione di vino sono tra le eccellenze del  Veneto.

Vino e cibo tradizionale è un connubio che porta molti turisti a visitare le nostre fiere e feste tradizionali.

amore per la terra e il paesaggioGli splendidi paesaggi,  la diversità della flora e della fauna, la cura dei luoghi e l’attenzione all’ospitalità attirano milioni di visitatori ma anche noi  Veneti  ci appassioniamo e ci lasciamo coinvolgere dalla varietà  e bellezza del territorio.

Proprio il territorio è fonte di ispirazione ed è così che nascono  i lavori più belli ed importanti, che durano nel tempo.

Anche le nostre linee di mobili sono ideate pensando ai nostri favolosi paesaggi.

Ispirati e condizionati dalla natura che circonda la nostra azienda, le progettiamo e realizziamo tenendo ben presente l’eccellenza che contraddistingue l’intera regione mettendoci professionalità e passione.

La stessa passione che vi coinvolgerà visitando le nostre terre.

Come acquistare mobili di qualità a prezzi bassi

Acquistare i mobili per la tua casa non è mai stato così conveniente ! In questo periodo il team di Arteferretto ha messo a punto delle offerte e delle promozioni senza precedenti… scopritele tutte e non lasciatevele sfuggire!

facebook-mi-piace1PROMOZIONE FACEBOOK – Che cosa aspettate a cliccare “mi piace” sulla nostra pagina? Tutti i nostri fan riceveranno un codice da usare su qualsiasi acquisto su Styledesign e che vi darà diritto a uno sconto pari al 50% sulle spese di trasporto.

 

image003BUON COMPLEANNO ARTEFERRETTO! – 1980 – 2015. In occasione del suo 35esimo anniversario, Arteferretto riserva ai suoi clienti delle offerte eccezionali ed esclusive! La selezione di tutte le promozioni valide vi aspetta su questa pagina.

 

image005EXPO MILANO 2015 – Partecipate all’evento dell’anno e visitate Expo Milano 2015 gratuitamente con Styledesign ! Per tutti gli ordini superiori a 300 €, utilizzando il codice EXPO, riceverete uno sconto di 32 €, pari al costo medio di un biglietto per Expo!

 

image007SCONTI NON STOP – Oltre a tutte le promozioni valide in questo periodo, tutto il nostro catalogo beneficia di sconti permanenti. Perché riserviamo ai nostri clienti solo il meglio…

Avete solo l’imbarazzo della scelta! E non dimenticate che tutte le offerte le trovate in esclusiva su Styledesign.it.

Come complicare la vita alle piccole imprese

Non so se è successo anche a voi, a me si.

La scorsa settimana mi sono imbattuta in una fattura da emettere ad un ente pubblico.

Come saprete, con la Finanziaria 2008 è stato introdotto l’obbligo di fatturazione in forma elettronica nei confronti delle Amministrazioni dello Stato. Tutti i fornitori che emettono fattura verso la Pubblica Amministrazione devono adeguarsi a ciò che prevede la legge.

arton19609La legge ha stabilito che l’invio delle fatture elettroniche destinate alle Amministrazioni dello Stato (le famose fatturePA) deve essere effettuato attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), che praticamente è un sistema informatico di supporto al processo di ricezione, della gestione dei dati e gestione dei flussi informativi, anche ai fini della loro integrazione nei sistemi di monitoraggio della finanza pubblica.

La FatturaPA deve avere un formato particolare, deve essere in XML per essere accettata dal sistema di intercambio, deve essere registrata con una specifica numerazione, diversa da quella delle altre fatture, deve avere la firma digitale ed oltre ad avere tutte le informazioni utili ai fini fiscali, deve assolutamente contenere  il Codice Identificativo Univoco dell’ufficio di destinazione della fattura.

Insomma, tutta una serie di informazioni e di operazioni non poi così tanto facili da reperire ed eseguire.

Alla fine delle mie lunghe ricerche sul web sono riuscita a compilare, inserire, inviare e registrare la fattura elettronica a questa pubblica amministrazione, incontrando diversi problemi e perdendo molto tempo prezioso.

A questo punto, mi chiedo: siamo proprio sicuri che questa nuova legge abbia introdotto un sistema di semplificazione di registrazione delle fatture, ai fini di risparmiare carta e monitorare le finanze pubbliche o è semplicemente una “trovata” all’italiana?

Perché a me, sinceramente, è sembrato un metodo poco chiaro e molto macchinoso che costituisce per le piccole-medie imprese un grande dispendio di tempo ed energie per l’emissione di una semplice fattura.

Mi sembra piuttosto un raggiro per far sì che piccole realtà alle quali la pubblica amministrazione (i comuni in primis) potrebbe rivolgersi con oculatezza, siano tagliate fuori da possibili forniture lasciando campo libero ad aziende più strutturate a livello amministrativo (e dove il subappalto è una costante) a danno di piccole imprese (penso a quelle adibite alla manutenzione del verde pubblico in piccoli comuni, all’elettricista, all’idraulico…)

A me, più che ad un risparmio, assomiglia ad una “genialata” per continuare a sperperare soldi senza dare troppo nell’occhio tagliando fuori le imprese più piccole.

Se questa è la semplificazione che favorisce le piccole imprese……

Quel 25 aprile…

35anni

Quel 25 aprile del 1980 era una giornata limpida, anche se fresca.

Il giorno prima era stata attivata la linea elettrica e allora, poco importava se era festa, liberato il garage adibito a laboratorio facendo uscire la Fiat 128, per la prima volta veniva azionato il rumoroso compressore per l’aria compressa.

compressor

Mio fratello, che aveva imparato il mestiere presso un laboratorio in cui aveva lavorato per alcuni anni, iniziò a dare disposizioni spiegandomi le varie fasi delle lavorazioni da fare.

Niente di ché, a pensarci ora. Abbiamo iniziato come terzisti mettendo insieme semilavorati per un’azienda più strutturata.

Anch’io, seppure meno esperto di mio fratello, avevo qualche nozione sulla lavorazione del legno.  I mesi estivi, infatti, nel passaggio da un anno scolastico all’altro, si andava a guadagnare qualcosa in una delle tante botteghe della zona. Il lavoro non mancava e i ragazzi volenterosi che volevano guadagnare qualcosa lavorando in quei tre mesi  erano cercati, se non addirittura contesi, tra le varie botteghe.

Il mio papà, come la maggior parte di quelle persone che hanno fatto rinascere l’Italia, aveva poche ma chiare convinzioni. “Impara l’arte e mettila da parte”. Quante volte ho sentito questa massima!

Marchio Arteferretto

Il nome della nostra azienda, Arteferretto, è un omaggio ad un principio legato ad un nome. Impegnativo, certo, ma molto stimolante.

L’arte… che cos’è l’arte? Una frettolosa considerazione potrebbe farci dire che l’arte è rappresentata da un dipinto, una scultura, una composizione musicale…  chi direbbe “un lavoro”? Eppure, quando si parla di un lavoro a regola d’arte cosa c’è dietro? Non c’è forse l’esperienza, la capacità, l’impegno, la meticolosità di chi lo esegue?

Ricordo ancora che il primo lavoro commissionato consisteva nel tagliare e fissare le cornici alle facciate dei cassetti . Quanta precisione e meticolosità in quel banale lavoro! Sapevamo che quelle facciate sarebbero state guardate e valutate con severa attenzione da chi ci aveva dato fiducia e lavoro e che da quel giudizio sarebbe poi dipeso il nostro futuro (perlomeno quello più immediato).

Il primo comandamento

Fin da quei primi lavori era necessario darsi delle regole, nonché uno standard qualitativo. Quella che nacque già allora come regola fondamentale, e lo è tuttora nel lavoro di tutti i giorni, quella che viene puntualmente ripetuta in ogni circostanza che lo richieda e che ogni dipendente passato ed attuale ha imparato per bene è: Ogni mobile, ogni singolo pezzo deve essere curato con la massima attenzione, come se il prodotto che ne esce dovesse essere messo in casa vostra.

Ogni tanto capita che qualche cliente ci porti a riparare un mobile acquistato chissà dove e chissà da chi, da cui, già da una veloce valutazione si desume un prezzo molto basso e una qualità ancor più bassa. È l’occasione per ribadire con tutto il personale la validità dei nostri principi. “Vi mettereste in casa una cosa così?” e basta un mezzo sorriso o uno sguardo per avere subito una risposta non detta.

Quelli di “Arteferretto” sono mobili che, noi per primi, ci metteremmo in casa. E in 35 anni non abbiamo mai cambiato questa convinzione. È una regola semplice, elementare, ma che può servire a dare l’idea della nostra politica aziendale.

Chi ci conosce sa che è vero e ci premia consigliandoci ad amici e conoscenti, nonché tornando ad acquistare anche dopo la prima volta.

E per noi rappresenta la migliore gratificazione.